Articoli

Il periodo di lockdown reso necessario dall’epidemia da COVID-19 ci ha costretto a modificare in modo drastico e repentino abitudini, pensieri, emozioni, vita di relazione, ritmi. Spesso abbiamo sfogato ansie e vuoti in cucina preparando le pietanze più disparate.

Un aspetto positivo è stato quello di averci permesso di riappropriarci di vecchie buone abitudini come quella della condivisione di tempi e spazi in casa.

Si è riscoperta la convivialità di una colazione insieme. Abbiamo potuto ridare a questo momento il giusto valore.

La colazione è un momento di scambio, di condivisione e di relax. E’ un pasto durante il quale genitori e figli si ritrovano dopo il riposo notturno per programmare la giornata. Concedersi una colazione serena e divertente, seduti a tavola tutti insieme, è bello per grandi e piccini.

E’ importante che la colazione sia sana e nutriente. Scegliete latte, yogurt, cereali integrali e frutta fresca e secca. Potete anche scegliere una “colazione salata” con pesce (ricco di grassi omega 3) o uova (che contengono zinco e ferro). L’importante è che sia equilibrata e bilanciata.

Non dimenticate che la prima colazione dovrebbe rappresentare circa il 20% delle calorie totali della razione giornaliera. 

Non pensate di fare dieta togliendo qualcosa alla colazione. Pensiamo piuttosto di alleggerire gli altri pasti (pranzo e cena) preferendo cibi più freschi, considerando che andiamo incontro alla bella stagione e si ha il piacere e la voglia di mangiare cibi meno elaborati.

Ricordiamo che spesso i bambini e gli adulti obesi sono quelli che non fanno colazione.

Allora…non saltiamo la colazione, facciamola sempre, insieme se possibile, in allegria, in modo sano ed equilibrato, scegliendo i giusti alimenti.

                                                          CIBO E BUON UMORE SONO FONDAMENTALI NELLA NOSTRA ESISTENZA!

 

Libri consigliati:

 

Cambiare abitudini è difficile ma volere è potere! Verità o luogo comune?

Tu sei le tue abitudini. Tu sei il risultato dei comportamenti che hai adottato negli ultimi anni.

Diverse ricerche affermano che almeno il 50% delle nostre attività giornaliere sono fatte di abitudini.

Le voglie e gli stimoli derivano da sensazioni corporee, da tensioni, da un disagio.  Quando sei sotto stress cambiare un’abitudine diventa meno prioritario per il cervello che sceglie la via più breve e semplice.

Stimolo → Comportamento → Ricompensa → Dopamina (ormone della felicità, del piacere)

Ogni volta che ripeti questo percorso non fai altro che rafforzare l’abitudine, andando a creare il tuo stile di vita. Lo stile di vita è un modello applicabile alla routine di tutti i giorni.

Il cambiamento offre la possibilità di creare nuovi stimoli: “Practice makes permanent”.

Quindi come puoi iniziare il cambiamento?

L’ambiente fisico e relazionale è una leva fondamentale da toccare per poter cambiare, ed i tuoi valori sono strettamente correlati alle tue abitudini.

VALORE → ABITUDINE

E’ per questo motivo che sarà molto più semplice imparare a mangiare sano sposando il valore della salute e, nel valore, trovare la motivazione giusta.

Non devi cercare il cambiamento da zero a cento! Devi lavorare affinchè il cambiamento sia sostenibile e duraturo. Non eliminare vecchie abitudini, prova invece a sostituirle con abitudini nuove e più sane e lavora su questo.  Piccoli cambiamenti necessitano piccoli sforzi, ma alla fine avrai grandi risultati!

Accogli il tuo nuovo MINDSET e scappa dalla tua ZONA DI COMFORT 🙂

 

“Noi siamo quello che facciamo ripetutamente, perciò l’eccellenza non è un’azione ma un’abitudine”

Aristotele

LIBRI CONSIGLIATI SUL TEMA:

FATTORE 1% Luca Mazzucchelli

Chi ha spostato il mio formaggio? Spencer Johnson